Monte Bianco - descrizione ascesa al Monte Bianco - salita al Monte Bianco dal versante francese del Cosmiques - facile alpinismo internazionale
Monte Bianco ascent details - Mont Blanc ascent details - mountaineering in France
Online Translations
To translate from Italian language into another
- English - French - German - Spanish -


MONTE BIANCO '99

SCHEDA TECNICA - ASCESA ALLA VETTA - INFORMAZIONI GENERALI - COSTO
MAPPA GENERALE - MT. BIANCO VERSANTE FRANCESE


Il Monte Bianco è la più elevata cima delle Alpi.
Insieme alle cime satelliti: Mont Tacul (4.228 m.), Mont Maudit (4.465 m.), Aiguille Blanche (4.112 m.), ecc. ,
forma il "massiccio del Monte Bianco".
Pur essendo questo spartiacque il naturale confine tra L'Italia e la Francia,
la vetta a 4.807 si trova interamente in territorio francese.
Questa montagna, protagonista della storia dell'alpinismo fin dalla sua conquista nell'agosto del 1786,
è meta ogni anno di migliaia di alpinisti provenienti da tutto il mondo.

mappa regione Mt. Bianco
(fermarsi col mouse sulla mappa per la descrizione e cliccare per ingrandirla)



SCHEDA TECNICA

  • Altezza: 4.807 m.s.l. (vetta più alta delle Alpi), talvolta riportata la quota di 4.808 o di 4.810 s.l.m.
  • Ubicazione: Alpi italo - francesi
  • Difficoltà: Grado da PD (poco difficile) a PD+ a seconda della via di salita prescelta.
    Il sistema francese di valutazione dei gradi di difficoltà su ghiaccio indica 7 livelli (in passato solo 6). Il "PD" è il secondo partendo dal basso. Ma questa classificazione è puramente indicativa. Il + viene talvolta aggiunto per indicare un livello di difficoltà leggermente superiore al grado citato.
    Prima Via : ascesa dall'Aiguille Du Midi - Tacul - Maudit = PD+ (la più spettacolare) cartina
    Seconda Via : ascesa dal Nid d'Aigle - Aiguille du Goûter = PD (salita classica) cartina
    Terza Via : ascesa da Plan de l'Aiguille - Grands Mulets = PD (la più lunga e meno praticata) cartina
    Quarta Via : ascesa via Rifugio Gonnella = PD+ (salita alternativa dal versante italiano) cartina
  • Località di partenza: Chamonix (1.030 m) o Courmayeur (1.224 m)
  • Vie di accesso : A seconda della via di ascesa prescelta, differente è la località di partenza:
    Prima via: raggiungere Chamonix
    Su gomma: via Aosta - Courmayeur - traforo del Bianco - Chamonix. Attualmente (febbraio 2000) la chiusura del Traforo del Monte Bianco obbliga passare dalla Svizzera.
    Su rotaia: esiste un ottimo servizio di treni che unisce l'Italia a Chamonix via Milano - Martigny (Svizzera).
    Costo A/R lire 190.200. Per gli orari guardare: sito orario ferrovie europee by DB.
    Dal centro di Chamonix, teleferica dell'Aiguille du Midi (3.842 m). Costo 196 franchi - circa 30 euro. cartina
    Seconda via: raggiungere le località di Les Houches o St. Gervais les Bains, entrambe poco distanti da Chamonix e da qui con la teleferica o con il tramway fino il Nid d'Aigle. cartina
    Terza via: idem come per la prima. Stessa teleferica, ma fino alla stazione intermedia di Plan de l'Aiguille (2.310 m). cartina
    Quarta via: raggiungere località di Ponte di Combal (1.950 m) via Aosta e Courmayeur. cartina
  • Carte e mappe : IGN 1:25.000 Chamonix - Massif du Mont Blanc e St. Gervais les Bains. Come pubblicazione:
    "I 4000 delle Alpi" di Richard Goedeke by Guide Iter.

    ASCESA ALLA VETTA

    La seguente salita è stata effettuata il 17/18 luglio 1999 via Aiguille Du Midi - Tacul - Maudit (1° VIA).
    L'ascesa è stata fatta da Stefano, Vincenzo, Lorenzo Nadali (guida alpina - 1° cordata - 347 3885350);
    Anna, Filippo, Andrea Vanni (guida alpina - 2° cordata - cell. 335 322453).
    Non è richiesto alcun permesso o tassa per poter salire sul Bianco.
    Tempo minimo necessario: 2 giorni

    (fermarsi col mouse sulla foto o mappa per la descrizione e cliccare per ingrandirla)
    VERSANTE FRANCESE MT. BIANCO PIANTA SCHEMATICA VERSANTE FRANCESE

  • 1° giorno: Chamonix - Aiguille du Midi - Rifugio Cosmiques
  • 2° giorno: Rifugio Cosmiques - ascesa alla vetta - Chamonix

    Primo giorno: Chamonix - Aiguille du Midi - Rifugio Cosmiques

    Dal centro di Chamonix (1.030 m.) è necessario (come farne a meno! ) prendere la funivia dell'Aiguille du Midi. Il biglietto A/R costa 196 franchi (circa 60.000 lire) e porta dapprima alla stazione intermedia del Plan de l'Aiguille (2.317 m. - 3° VIA) e successivamente all'Aiguille du Midi (3.842 m). Questo luogo è meta ogni giorno di migliaia di persone, tra alpinisti (la minoranza) e turisti (i giapponesi da soli sono una esagerazione!). Per fortuna questi ultimi si fermano alle terrazze panoramiche.
    E' possibile prenotare anticipatamente l'orario della corsa della funivia che si prenderà telefonando al : 08 36 68 00 67.
    Una volta lasciata la teleferica si attraversa una galleria artificiale e si arriva sulla Cresta Est. Oltrepassate le transenne che delimitano la zona turistica, mettersi subito i ramponi per affrontare la discesa di 300 metri di dislivello che con un giro a semicerchio porterà al vallone sottostante. All'inizio la cresta è stretta ed esposta (fare attenzione!). Dopo poco la si lascia puntando in direzione del Maudit (sud). Si passano alcuni crepacci (generalmente pieni di neve) e passando ai piedi
    dell' Aiguille du Midi si percorre un vasto pianoro. A questo punto è già visibile il Rif. Cosmiques. Per raggiungerlo bisogna solo affrontare un modesto colle. Tempo necessario dalla funivia al rifugio: 30/45 minuti. cartina
    Rifugio Cosmiques 3.613m - privato - 120 posti - prenotazione obbligatoria 0033 50544016 -
    1/2 pensione 250 FF (75.000 lire).
    Resto della giornata dedicato a scuola di ghiaccio e acclimatamento.
    Giorno soleggiato e caldo.

    Panorama dall'Aiguille du Midi da sx: Luigi - Stefano - Lorenzo (guida) - Andrea (guida) - Anna - Filippo SERACCHI !

    (fermarsi col mouse sulla foto per la descrizione e cliccare per ingrandirla)

    secondo giorno: Rifugio Cosmiques - ascesa alla vetta - Chamonix
    Sveglia ore 00:45 - colazione ore 1:00 - partenza ore 2:00
    Una volta vestiti e attrezzati con imbrago, corda, frontale, piccozza e ramponi si parte portandosi nuovamente nel vallone sottostante (breve dislivello) e si inizia quella che viene chiamata la "normale del Tacul". In breve si formerà una suggestiva fila indiana di alpinisti con la frontale accesa diretti alla vetta, simile ad un presepe vivente.
    Schematizzando al massimo la salita, per raggiungere la vetta bisogna superare 3 "gradini" .
    Il primo porta alla Spalla del Tacul (4.100 m); il secondo porta al Col du Maudit (4.345 m), seguito da una zona in leggera discesa fino al Col della Brenva (4.303 m); e poi l'ultimo dislivello che porta fino ai 4.807 della vetta. cartina
    La partenza così "mattiniera" fa sì che i primi 2 gradini vengano affrontati ancora con il buio. La seguente descrizione sarà così meglio comprensibile solo al ritorno con la luce.
    Ritornando alla "normale del Tacul", si sale per larghi pendii, sempre molto camminabili, superando grandi crepacci coperti di neve fino a raggiungere l'ampia cresta nevosa della "Spalla del Tacul" (4.100 m) cartina. Da qui inizia la cosiddetta "normale del Maudit" che scende a mezzacosta fino alla ampia "Sella del Col Maudit" (4.035) cartina. Si punta ora verso destra (ovest) e si passa (velocemente) una zona di seracchi e riprendendo quota si arriva ad una crepaccia terminale di grosse dimensioni. Da qui inizia il punto più difficile dell'ascesa: un rapidissimo pendio di alcune decine di metri di dislivello che porta al "Col du Mont Maudit" (4.345 - 3 ore) cartina. Non per nulla "maudit" in francese significa: maledetto! Questo pezzo sarebbe consigliabile affrontarlo assicurati dall'alto o potendo con 2 piccozze. Qui si trova anche un paletto per assicurarsi in corda doppia una volta di ritorno.
    (AGGIORNAMENTO: mi viene riferito da più parti che gli stravolgimenti climatici degli ultimi anni hanno fortemente mutato il tratto in questione aumentando notevolmente il dislivello da farsi in sicura).
    E' a questo punto che molta gente abbandona. Infatti la quota comincia a farsi sentire (4.345 m.) e la vista dell'ultimo balzo ancora tutto da affrontare...può far dire basta.
    Si lascia la "normale del Maudit" e perdendo quota si arriva al "Col Brenva" (4.303 m) cartina. E' qui che in caso di soccorso atterra l'elicottero. Si affronta adesso il faticoso pendio del "Mur de la Côte" cartina, si prosegue passando prossimi ad affioramenti rocciosi a quota 4.577 m. (è qui che purtroppo Vincenzo ha detto: basta!) e senza altre difficoltà si guadagna la cima in circa un'altra mezz'ora (4.807 m. - 5,30 ore complessive). Ore 7:30 in vetta! Abbracci e foto ricordo. La seconda cordata con Anna, Filippo e Andrea giungerà circa dopo 30 minuti. Ritorno per la stessa via.
    Ore 12:30 nuovamente al Rif. Cosmiques. Ore 14.00 alla funivia dopo aver affrontato gli ultimi 300 metri di dislivello, questa volta in salita, che separano il pianoro glaciale dagli impianti della teleferica. Credetemi non sono da sottovalutare come stanchezza!!!
    Tempo bello. Spruzzata di neve nella notte intorno alla 1:00. Nel tardo pomeriggio, una volta tornati a Chamonix, temporale estivo

    Vincenzo e Stefano dopo il Colle del Maudit - foto by Nadali Stefano e Lorenzo in vetta - foto by Nadali Top ! - foto by Nadali

    (fermarsi col mouse sulla foto per la descrizione e cliccare per ingrandirla)

    INFORMAZIONI GENERALI

    Necessaria tutta l'attrezzatura da alpinismo: corda, imbrago, piccozza, ramponi, chiodi da ghiaccio, frontale, ottimo vestiario.
    Valida alternativa al rifugio (per contenere le spese) considerando la breve distanza dalla funivia, è rappresentata dalla possibilità di campeggiare nel pianoro antistante il rifugio Cosmiques. Numerose sono le tende ed è facile trovare piazzole già preparate con tanto di muretti di neve antivento. Necessaria un'ottima tenda, un buon sacco a pelo e il kit per cucinare.
    Per quanto riguarda l'acqua, potrete procurarvela sciogliendo direttamente la neve. Inutile (visto il contesto) la potabilizzazione.
    Nel rifugio è praticamente impossibile riuscire a dormire; un po' per la quota (Luigi ha dovuto terminare qui l'ascesa), per il continuo viavai e per l'ora della sveglia.
    L'ascesa alla vetta non è tecnicamente difficile, ma non è un semplice trek. Meglio affrontarla con una guida, soprattutto se si è alle prime armi.


    COSTO
    Il costo dell'intera ascesa si aggira sulle 400.000 lire
    + 400.000 se ci si avvale di una guida alpina per i 2 giorni + equipaggiamento.
    190.000 di treno A/R da Bologna a Chamonix
    60.000 funivia dell'Aiguille du Midi
    75.000 1/2 pensione Rifugio Cosmiques
    30.000 sistemazione a Chamonix per la notte del venerdì
    + extra
    Tempo minimo necessario: 2 giorni
    Rapporto lira/franco francese a luglio ' 99 = 300 lire x 1 FF
    1 euro = 1936,27 lire