Bicicletta in Slovenia, Croazia, Montenegro (Crna Gora), Kosovo (Kossovo), Albania (Sqiperia), Bosnia Herzegovina - Cicloturismo nei Balcani - Balcani in bici - Trieste Rijeka Dubrovnik Kotor Podgorica Pec Prizren Kukes Neum Mostar in bici
To bike in Slovenia, Croatia, Montenegro (Crna Gora), Kossovo, Albania (Sqiperia), Bosnia Hercegovina - From Trieste Dubrovnik Kotor Podgorica Pec Prizren Kukes Mostar by bike - To cycle in the Balkans - Cyclotourism cycling biking in the Balkans
Online Translations
To translate from Italian language into another
- English - French - German - Spanish -

3░ tappa - Km. 70

HERCEG NOVI - VRBA (Krstac)



Per visualizzare la totalitÓ dell'itinerario balcanico:
MAPPA POLITICA - MAPPA FISICA


Dal Castello di Herceg Novi seguire la strada locale costiera. Superato il monastero di Savina (o qualcosa del genere) diventa obbligatorio immettersi nella E65 in prossimita di una breve galleria. Al km 5 (circa) deviare a DX seguendo le indicazioni per Kumbor, Baosici, Bijela. Questa strada secondaria, anche se in maniera discontinua, costeggia la bella Baia di Tivat, anticamera di quella di Cattaro, passando per zone balneari, campi di pallanuoto e, ahimè, cantieri navali. Nel complesso comunque bella. Al km 15 si ritorna sulla E65, si supera Kamenari (da dove è possibile traghettare a Lepetani, cosa che comunque vivamente SCONSIGLIO!) per proseguire poi col periplo della Baia di Cattaro: insenatura di insuperabile bellezza fra montagne alte fino a 1800 metri. La piovosità è qui tra le più alte d'Europa: aspettatevi un temporale nelle ore più calde! Al km 30,5 si giunge a Perast e al km 39 seguire le indicazioni per Dobrota fino ad arrivare a Kotor (Cattaro) al km 45. La città merita una visita.
Dopo Kotor, dirigersi verso sud e, superate le mure della città vecchia, andare a SX cercando di intercettare i vecchi tornanti delle "Lovcenske serpentine". Non ci sono indicazioni (conviene chiedere) per l'originaria strada delle "serpentine del Leone", il cui tratto iniziale Ŕ ora dismesso, ma prendendola si risparmia qualche chilometro e si riesce a godere di un bellissimo panorama sulla baia. La strada vecchia si raccorda alla nuova in corrispondenza del km 48,5. La salita al 5% prosegue fino al km 64,5 tra profumi di resina e bosco, segue un tratto poco impegnativo e l'arrivo al km 68 a Krstac (926 metri di quota). Al km 70 il piccolo villaggio di Vrba, con il ristorante (con camere) "Sveta Planina".
Costo 40 € in due, camera con bagno e colazione inclusa. La cena 10 € a testa.

Per una lettura della tappa più narrata e appassionante consiglio la "versione di Paolo", un PDF dove troverete tutti gli aneddoti di viaggio. Il chilometraggio sempre maggiorato rispetto a quello "reale" è dovuto alle deviazioni.


ITINERARIO E TAPPE FOTOGRAFIE TAPPA SUCCESSIVA